Crociati

Evacuo, esperienza e ottimismo: “Al di là di distrazioni e lacune da migliorare, siamo in linea con i nostri programmi”

Collecchio, 16 Ottobre 2016 – Il giorno dopo la vittoria in rimonta (3-5 di Forlì, oggi, dopo la seduta di allenamento mattutina, al Centro Sportivo di Collecchio, ha parlato l’attaccante Felice Evacuo, che nella partita di ieri ha segnato il gol del 3-3, terza rete personale in campionato:

A Forlì abbiamo fatto un’ottima partita. Sicuramente ci sono state distrazioni che dovremo cercare di non ripetere più, perché potrebbero costarci molto care. La squadra ha, però, sfoderato una grande prestazione sotto tutti i punti di vista, macinando gioco dal primo al novantesimo. E’ stata una vittoria meritatissima. Sia l’approccio alla partita che la prestazione sono state molto positive. All’inizio abbiamo avuto due occasionissime per andare in vantaggio. Giocavamo abbastanza alti per schiacciarli. Lo abbiamo fatto anche bene. Il Forlì ha agito di rimessa e, alla prima occasione, ci ha punito. Così gli equilibri si sono rotti. La squadra non si è mai disunita, raggiungendo il pari prima della fine del primo tempo. Peccato che, prima dell’intervallo, abbiamo peccato in quell’indecisione che ha portato al terzo gol avversario rimettendo la gara nuovamente su binari poco giusti per noi. Nella ripresa abbiamo macinato gioco per tutto il tempo. Addirittura il 3-5 ci sta anche stretto. Non ho avuto alcun problema a partire dalla panchina. Siamo professionisti, siamo pagati per allenarci e giocare al massimo quando siamo chiamati in causa. E’ quanto ho fatto a Forlì ed è quanto hanno fatto i miei compagni subentrati in tutte le partite precedenti. Dobbiamo riflettere su quanto è successo già in altre occasioni, in cui partiamo subendo  Mi piace guardare il bicchiere mezzo pieno. Questa è una squadra che ha già realizzato tre rimonte, anche fuori casa. E’ vero, abbiamo lasciato per strada qualche punto importante, ma credo che siamo in linea con i programmi di questa squadra. Dobbiamo migliorare. E’ normale che se vai fuori casa, contro una squadra rapida e veloce, a prescindere dall’ultimo posto in classifica, e vuoi fare la partita, con i difensori sulla linea del centrocampo, rischi di esporti al loro contropiede. Siamo una squadra non brevilinea nella struttura fisica. Quando corri contro queste squadre, capita che l’avversario sia più veloce. Per impostazione della gara e mentalità, siamo stati perfetti. In questo tipo di partite, sai che devi assumerti rischi come è successo ieri. Non significa, però, che devi subire tre gol anche se potevamo segnarne più dei cinque fatti. Le critiche ci stanno. L’importante è che siano costruttive come quelle mosse fino a questo momento. Non ho visto pressioni da parte di tifosi e stampa. Questo ci aiuta anche a migliorare, perché dalle critiche si hanno spunti di riflessione importanti anche su argomenti che magari non erano stati attenzionati prima. Questa squadra ha cambiato molto durante l’estate, con giocatori nuovi e modulo nuovo. E’ normale fare fatica nel trovare la quadratura del cerchio, che forse ancora non è stata trovata. La squadra ci sta lavorando. I punti, comunque, stanno arrivando. Penso che siamo sulla strada giusta”.