Crociati

ALESSANDRO LUCARELLI: “I NOSTRI AVVERSARI DOMENICA NON DOVRANNO GIOCARE CONTRO UNA SQUADRA, MA CONTRO UNA CITTÁ INTERA”

Collecchio, 17 maggio 2019 – “Quella di domenica è una di quelle partite che mi piacerebbe giocare, assolutamente. E’ una di quelle gare dove non si può sbagliare e dove il risultato è determinante“. E’ questo il commento di Alessandro Lucarelli, Club Manager del Parma, a due giorni dalla sfida di domenica al Tardini contro la Fiorentina: “E’ sempre bello giocarle. L’ambiente è pronto, è carico. I ragazzi hanno voglia di chiudere il discorso salvezza già domenica e riscattare la brutta prestazione del derby di lunedì. Sono convinto che domenica faremo la partita che dobbiamo fare“. 

“Io credo che abbiamo fatto una parte di campionato al di sopra delle nostre possibilità e un’altra parte al di sotto, quindi se avessimo avuto un percorso più lineare saremmo qui tutti entusiasti ad aspettare la partita di domenica per raggiungere una salvezza che è sempre stato l’obiettivo principale di questa squadra”. 

“Il Mister sta preparando la partita come ha fatto tutte le altre settimane, sappiamo tutti quanti cosa ci andiamo a giocare domenica e mi auguro che uscendo dal sottopassaggio venga fuori a tutti il fumo dal naso come ai tori perché non c’è possibilità di sbagliare. La metterei al pari di Firenze, di La Spezia. E’ una partita determinante che va affrontata andando oltre i propri limiti e cercando di buttare fuori tutto quello che si ha in corpo. Sappiamo che ci sarà un grande pubblico e quindi chiedo alla gente, ai nostri tifosi, di lasciare per un attimo da parte i malumori anche se comprensibili e legittimi per riempire il Tardini e trasformarlo in una bolgia. I nostri avversari domenica devono giocare non contro una squadra, ma contro una città intera, perché restare in Serie A dopo tutto il percorso che abbiamo fatto per noi è fondamentale“. 

“Mi auguro che non ci sia neanche bisogno di dover caricare la squadra, i ragazzi sanno quanto è importante questa partita e sanno che in un modo o nell’altro il campionato nostro deve finire domenica. Ci stiamo preparando sotto tutti i punti di vista per presentarci pronti e chiudere la pratica”.

Domenica non ci sarà Bruno Alves: “Immagino che Bruno Alves sia molto dispiaciuto di non esserci domenica, queste sono le partite dove servono i calciatori d’esperienza. Peccato che non ci sia ma sono convinto che i ragazzi, penso anche a coloro che hanno fatto parte di questo percorso già dalla Serie C, tireranno fuori tutto”. 

La squadra deve resettare tutto quello che è stato fino a lunedì e pensare a domenica: abbiamo la possibilità di garantirci la Serie A, che era il nostro obiettivo. Dobbiamo pensare solo a quello, tutto quello che possono essere stati gli errori o le mancanze sia della squadra che della Società li valuteremo insieme ma è importante valutarlo con la Serie A in tasca. Quindi è importante portare a casa il risultato domenica”. 

“Per me in questa partita esistiamo solo noi, indipendentemente da chi abbiamo davanti e in che modo li incontriamo dobbiamo avere la voglia di portare a casa il risultato. Tutto quello che va oltre ci toglie solo delle energie, pensare anche a cosa fa l’Empoli o il Genoa sabato ci distoglie da quello che dobbiamo fare noi: siamo noi che dobbiamo conquistare la salvezza, noi che dobbiamo andare in campo e noi che ce la porteremo a casa. Inconsciamente forse abbiamo commesso l’errore nelle scorse settimane di aspettare che ci salvino gli altri, ma non dobbiamo commetterlo perché altrimenti perdiamo di vista quello che dobbiamo fare”.